Sei in: CHIETI -> CRONACA
Inserito da Antonio Calabrese
Ortona, Eduardo Grumelli ...
eduardo grumelli udc.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Atessa: riunione del Comi...
comitato sindaci per le industrie 2.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Atessa: riunione del Comi...
comitato sindaci per le industrie 1.jpg

15/05/2012

Inserito da Antonio | 0 commenti
Legalitą, cittadinanza, educazione: a Tornareccio l'esempio di 'Libera Terra'

Visto 2298 volte

COMMENTA

LEGALITĄ, CITTADINANZA, EDUCAZIONE:

A TORNARECCIO L’ESEMPIO DI “LIBERA TERRA”

torn2 

Sabato 19 maggio l’incontro finale del progetto “Cittadini domani”con le scuole del territorio: presentazione dei lavori e degustazione di prodotti coltivati sulle terre confiscate alle mafie

 

Tornareccio (Ch), 15 maggio 2012 – Educazione alla legalitą e alla cittadinanza grazie all’esempio di Libera Terra, la cooperativa che da anni restituisce valore e dignitą ai terreni confiscati alle mafie. Sarą questo il cuore dell’appuntamento finale del progetto “Cittadini domani. Crescere nella legalitą”, realizzato nei mesi passati dalle scuole dell’Istituto comprensivo di Tornareccio con il coordinamento dell’insegnante Lisa Pallante, e dal Centro di Educazione Ambientale Monte Pallano, in programma sabato 19 maggio dalle 9.00 presso il salone polivalente “Remo Gaspari” in viale don Bosco e, a seguire, presso il punto vendita Alce Nero, in via De Gasperi.

Una mattinata intensa, alla quale parteciperanno Davide Pati, membro della direzione nazionale e responsabile ufficio Beni confiscati di Libera Terra, e Lucio Cavazzoni, presidente di Alce Nero Mielizia. Dopo i saluti del sindaco di Tornareccio, Nicola Pallante, e del dirigente scolastico Costanza Cavaliere, e gli interventi di Pati e Cavazzoni, saranno presentati i lavori eseguiti dai ragazzi delle scuole di Tornareccio e Perano per raccontare l’esperienza maturata di educazione alla legalitą. A seguire, i partecipanti dal salone polivalente si sposteranno nel punto vendita Alce Nero, in via De Gasperi, per la “degustazione della legalitą”, con i prodotti biologici, equi e solidali di Libera Terra, coltivati sui terreni confiscati alle mafie.

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia