Sei in: CHIETI -> ECONOMIA
Inserito da Antonio Calabrese
Campitelli (Lega): 'Con i...
lega lanciano 1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Rocca San Giovanni: il Ca...
fabio caravaggio_3.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Uniti per Atessa: 'Riorga...
ospedale atessa drone p_2.jpg

14/03/2013

Inserito da Antonio | 0 commenti
Confartigianato lancia un Osservatorio contro i cattivi pagatori delle imprese

Visto 792 volte

COMMENTA

Confartigianato lancia un Osservatorio contro i cattivi pagatori delle imprese.

 

logo confartigianato chieti 140313Una piattaforma telematica dove le imprese potranno trovare informazioni utili per far rispettare la legge in materia e avranno la possibilità di segnalare chi continua a pagare in ritardo. Confartigianato istituisce un Osservatorio contro i cattivi pagatori delle imprese in virtù del recepimento della Direttiva Comunitaria da parte del governo nazionale con d.lgs. 192/2012 che impone sia alla Pubblica Amministrazione che tra i privati pagamenti entro trenta/sessanta giorni per le transazioni commerciali concluse a decorrere dal 1° gennaio 2013. Invece, purtroppo, la realtà è ben diversa. I problemi maggiori vengono lamentati dalle imprese nei rapporti di lavoro stipulati con gli enti pubblici. Che, a quanto pare, continuano a non pagare le aziende nei termini previsti dalla legge. Emblematico il caso della Provincia di Chieti che ha cumulato ritardi nei pagamenti alle imprese per 18 mesi. “Un problema reale -spiega Roberto Mancini, presidente provinciale Confartigianato Chieti- in quanto le imprese, specie in un momento di congiuntura economica negativa del genere, hanno estremamente bisogno di liquidità”. L’esatto contrario di ciò che avviene con danni evidenti a carico delle imprese. “Superati i sessanta giorni del mancato pagamento scattano interessi pari all’8% che -aggiunge Mancini- fanno lievitare di molto i costi che le imprese sono chiamate a sostenere. Bisogna subito invertire la rotta”. Da qui l’idea di istituire un vero e proprio Osservatorio che, se necessario, renderà pubblici di volta in volta i nomi dei cattivi pagatori. “Le imprese- riprende Mancini- potranno interagire con noi, trovare consigli utili al fine di ottenere pagamenti in tempo e, soprattutto, segnalare chi fa il furbo. Per rimettere in moto l’economia è fondamentale che ognuno faccia il suo nel rispetto della legge. Le imprese non sono delle banche.”

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia