Sei in: CHIETI -> CULTURA
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (amichevole): Cupe...
cupello-vastese.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Atessa da scoprire: sei l...
atessa da scoprire.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Tornareccio, la Strada Pr...
strada tornareccio-atessa 1p.jpg

06/11/2012

Inserito da Antonio | 0 commenti
Chieti: il caso filosofico dell'anno

Visto 1027 volte

COMMENTA

Seminario Maurizio Ferraris

sfi 061112Il 6 novembre alle ore 17.00, presso l’Auditorium del Rettorato -  Campus Universitario di Chieti, il Dipartimento di Scienze Economico-Quantitative e Filosofico-Educative, il Corso di Dottorato in Studi Umanistici (curriculum in Logica, ontologia ed etica), in collaborazione con la Società Filosofica Italiana - sede di Francavilla al Mare- il filosofo Maurizio Ferraris terrà una conferenza sul Nuovo realismo.

In controtendenza rispetto al dominio dell’ermeneutica e del pensiero debole, sostiene il prof. Gaetano Bonetta, Direttore del Dipartimento, Maurizio Ferraris con suo recente volume, Il Manifesto del nuovo realismo, ha segnato il dibattito internazionale dell’ultimo anno con la proposta di un superamento dell’interpretazione debole della realtà, fondata sull’affermazione nietzschiana del “non ci sono fatti ma solo interpretazioni”, per proporre un ritorno allo «zoccolo duro» della realtà, recuperandone la capacità di argine al processo di liquefazione che sembra orientare il mondo contemporaneo.

“L’errore dei postmoderni, scrive il filosofo, poggiava su una semplice confusione tra ontologia ed epistemologia, tra quello che c’è e quello che sappiamo a proposito di quello che c’è. È chiaro che per sapere che l’acqua è H2O ho bisogno di linguaggio, di schemi e di categorie. Ma l’acqua bagna e il fuoco scotta sia che io lo sappia sia che io non lo sappia, indipendentemente da linguaggi e da categorie. A un certo punto c’è qualcosa che ci resiste. È quello che chiamo “inemendabilità”, il carattere saliente del reale. Che può essere certo una limitazione ma che, al tempo stesso, ci fornisce proprio quel punto d’appoggio che permette di distinguere il sogno dalla realtà e la scienza dalla magia”.

Maurizio Ferraris è professore ordinario di Filosofia Teoretica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino, e direttore, presso lo stesso Ateneo del CTAO (Centro interuniversitario di Ontologia Teorica e Applicata) e del LABONT (Laboratorio di Ontologia).

Ferraris è un autore molto prolifico: solo per citare alcuni dei suoi più recenti lavori che vanno in direzione del dibattito sul nuovo realismo, oltre al Manifesto del nuovo realismo, Laterza, Roma-Bari 2012; ha pubblicato Anima e i-pod, Guanda, Parma 2011; Documentalità, perché è necessario lasciar tracce, Laterza, Roma-Bari 2009; Il tunnel delle multe. Ontologia degli oggetti quotidiani Einaudi, Torino 2008; Sans Papier. Ontologia dell'attualità, Castelvecchi, 2007.

INFO: Segreteria Dipartimento di Scienze Economico-Quantitative e Filosofico-Educative

            Tel. 0871/3556534-6410

          

 

 

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia