Sei in: ATESSA -> POLITICA
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio: il punto sul Giro...
barone gianmarco-orsogna (4)_1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Cure primarie, a Casoli s...
casoli-cure primarie 1p.png
Inserito da Antonio Calabrese
'Ospedale di Atessa, arri...
ospedale atessa 4-piccolo_62.jpg

07/11/2018

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Il sindaco Borrelli a Liberatessa a proposito della Sala Polifunzionale di Monte Marcone: 'Una minoranza seria dà consigli utili, non fa polemiche strumentali basandosi su dati falsi'

Visto 482 volte

COMMENTA

bcc 0711181

bborrelli 071118Il sindaco Borrelli a Liberatessa a proposito della Sala Polifunzionale di Monte Marcone: "Una minoranza seria dà consigli utili, non fa polemiche strumentali basandosi su dati falsi"

 

 E' davvero singolare la polemica imbastita dal gruppo di LiberAtessa sulla Sala Polifunzionale di Monte Marcone. Sì, perché un gruppo politico in cui i 2/3 dei componenti sono  tecnici non dovrebbe parlare a sproposito e dire: “Dopo un anno dalla fine dei lavori”, oppure sostenere che basta  “allacciare le utenze per rendere utilizzabile la struttura”.

  I lavori, già costati 345.000 euro di fondi propri del Comune, non sono affatto ultimati, e la struttura, su progetto redatto in base alle indicazioni della passata amministrazione, presenta ancora il piano terra da ultimare (mancano utenze, servizi, tramezzature per la distribuzione degli spazi al fine di un’adeguata fruibilità polifunzionale, finiture, infissi, ecc.). Non c'è tutta la sistemazione esterna necessaria per una decente utilizzazione (marciapiedi, spazi contigui il campo di calcio, raccolta e convogliamento degli scarichi, allacci alle pubbliche reti). Per ultimare questi lavori occorrono oltre 70 mila euro, una cifra ben lontana dalla spesa per un semplice allaccio di utenze.

  Noi non siamo abituati alle doppie e triple inaugurazioni, come è stato fatto in passato per il complesso Vittoria di piazza Garibaldi. La sala Polifunzionale di Monte Marcone sarà aperta e inaugurata quando tutta l'opera sarà completata e potrà essere messa a disposizione delle associazioni e della cittadinanza tutta.

 Vogliamo, tuttavia, rassicurare Liberatessa. Questa amministrazione, come avranno modo di vedere nelle prossime sedute consiliari, sta provvedendo al completamento della Sala con  la destinazione, a Monte Marcone, di una quota delle entrate straordinarie derivanti dalla vendita della Sangro Servizi.

   A furia di esternazioni a getto continuo, gli impavidi consiglieri di Liberatessa non si rendono conto di cadere spesso in contraddizione. Avevano proposto, nei giorni passati, di utilizzare il ricavato della vendita della Sangro Servizi per opere di adeguamento sismico in due scuole. Ora, a parte il fatto che ci vorrebbero due-tre entrate straordinarie per mettere in sicurezza gli ultimi edifici che attendono interventi già programmati,  dovrebbe essere risaputo che abbiamo seguito e stiamo seguendo la strada dei finanziamenti regionali e statali per le scuole. L'ultimo stanziamento di 640 mila euro è stato ottenuto, poche settimane fa, per l'adeguamento sismico del secondo lotto della scuola Domenico Ciampoli. La spesa è a totale carico della Regione. Stiamo lavorando per gli edifici di Ianico e Piana La Fara.    Anche Liberatessa, in passato, ha seguito questa strada, ma gli smemorati -a furia di esternare-  hanno perso la bussola.

sala polivalente montemarcone 071118

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia