Sei in: ATESSA -> CRONACA
Inserito da Antonio Calabrese
Fossacesia, al via i lavo...
municipio fossacesia-medio_37.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (Coppa Italia Prom...
miglianico-sgt 6_1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (Coppa Italia di P...
miglianico-sgt 4.jpg

14/08/2020

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
‘Ripescaggi nel calcio dilettantistico, un metodo che non ho mai condiviso’, le riflessioni ad alta voce di Sante D’Alberto, storico dirigente del Montalfano

Visto 970 volte

COMMENTA

mites 140820

‘Ripescaggi nel calcio dilettantistico, un metodo che non ho mai condiviso’, le riflessioni ad alta  voce di Sante D’Alberto, storico dirigente del Montalfano

dalberto 140820Con un lungo post condiviso sui social, lo storico dirigente del Montalfano, Sante D’Alberto, ha dato vita ad un interessante dibattito, soprattutto tra gli addetti ai lavori, sull’uso eccessivo che da diversi anni viene usato nel mondo del dilettantismo, per quel che riguarda il criterio di promozione generato dai ripescaggi, che anche in questa stagione, nell’era del covid, è stato e sarà ancora utilizzato dai massimi organi federali per completare gli organici nei vari campionati. Di seguito, il testo delle riflessioni del dirigente gialloverde:

‘Sono 15 anni che vivo il calcio dilettantistico da dirigente e ad ogni inizio campionato assisto alla carambola dei ripescaggi dalla categoria inferiore a quella superiore. Un metodo che non ho mai condiviso in quanto credo che nello sport e nella competizione in generale la vittoria vada ricercata sul campo e nel confronto frontale con i propri avversari. Il ripescaggio è di fatto una scorciatoia a senso unico per arrivare prima ad un traguardo che inizialmente ci si era prefissati. Credo che il calcio dilettantistico sia fatto di emozioni e gioie che regala ogni vittoria e di tristezza e amarezza che trasmette una sconfitta, il ripescaggio invece è un atto formale accompagnato da “carte bollate”, telefonata di cortesia a chi dovrà stabilire graduatorie e sperare che la propria domanda venga accolta. Cosa c’entra con lo sport il RIPESCAGGIO? Niente assolutamente niente. Se al calcio del “campanile” togliamo la possibilità di esultare al terzo fischio dell’ultima partita che ci da la matematica vittoria cosa ci resta? Oppure, se ai giovani, anche nello sport gli facciamo credere che “TUTTO SI AGGIUSTA” , quale insegnamento diamo loro? Che anche se non si merita la vittoria si può vincere lo stesso?

Il tutto penalizza anche la qualità tecnica del caponato stesso, ad esempio: se un campionato di prima categoria è disputato da 14 squadre di cui almeno 10 negli ultimi 10 anni hanno beneficiato di un ripescaggio si può chiamare ancora 1° categoria? Quante squadre hanno fatto il salto di categoria e poi nel giro di pochi anni si sono ritrovate a fare il salto nel vuoto e scomparire? Volete gli esempi? In un piccolo paese è meglio avere una squadra in 2° o 3° categoria o è meglio non avere niente dovuta alla scomparsa a causa di salti di categoria insostenibili?

Sono consapevole che il mio è un pensiero non condiviso dagli organi di governo del calcio dilettantistico e non troverò mai i favori di altri dirigenti, però fino a quando ne avrò titolo, anche nelle sedi ufficiali sosterrò l’abolizione dei ripescaggi o almeno limitarli a casi eccezionali

Non me ne vogliano gli amici dirigenti che hanno un’idea diversa della mia, pur sforzandomi riesco anche a capire le ragioni delle scelte di chi si fa ripescare, io resto un romantico del calcio, un sentimentale, uno che vive di emozioni. Uno che quando ho perso, sono andato a fare i complimenti all’avversario con le lacrime agli occhi e sono rimasto senza dormire per diverse notti e sono anche uno di quelli che quando ho vinto, ho urlato di gioia sotto fiumi di prosecco e non ho dormito lo stesso. Tutto ciò non l’avrei mai vissuto con la stessa intensità se fossi stato convinto che il ripescaggio fosse una cosa giusta.’

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia