Sei in: ATESSA -> CRONACA
Inserito da Antonio Calabrese
‘Ripescaggi nel calcio ...
dalberto sante 2-montalfano.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Atessa: presentazione del...
presentazione libro pietro benedetti 2.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Atessa: presentazione del...
presentazione libro pietro benedetti.jpg

12/12/2019

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Sanità, Febbo: il nuovo Piano Sanitario alza il livello delle prestazioni sanitarie

Visto 1365 volte

COMMENTA

farina 1212191

COMUNICATO STAMPA 


SANITÀ’, FEBBO: IL NUOVO PIANO SANITARIO ALZA IL LIVELLO DELLE PRESTAZIONI SANITARIE

Spiega l'Assessore: "Lavoriamo per recuperare il debito lasciatoci in eredità"

febbo 121219Chieti, 12.12.2019. “Nel nuovo Piano strategico 2020-22 illustrato dal Direttore della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, Thomas Schael troviamo una visione nuova, proiettata al futuro ed un approccio manageriale per la gestione dell’azienda sanitaria secondo le indicazioni del Governo regionale”. Ad affermarlo è l’assessore regionale Mauro Febbo che specifica come “gli obiettivi sono stati declinati in maniera chiara e precisa e sono state indicate anche le azioni e il percorso da intraprendere per raggiungerli al fine di promuovere,  insieme al benessere sanitario e sociale, lo sviluppo economico diretto e indiretto del nostro territorio. La riduzione dei tempi di attesa delle prestazioni sanitarie e della mobilità passiva, la promozione della qualità e dell’appropriatezza dell’assistenza unite a una comunicazione trasparente e tempestiva, supportate da un miglioramento del sistema informatico e della standardizzazione dell’uso dei dispositivi medici, contribuiranno sicuramente a proiettare la nostra Asl tra le migliori d’Italia e a garantire ai nostri cittadini un livello di assistenza degno di un paese civile”. “Inoltre – sottolinea Febbo -  nel documento sono previsti ben 5 milioni di euro per l’assunzione di nuove figure professionali e 15 milioni di investimenti per infrastrutture moderne e dotate di un avanzato parco tecnologico. Riguardo poi alla riqualificazione della rete dell’Emergenza e del 118, non si tratta di sguarnire le singole postazioni ma di fare in modo che vi sia una organizzazione moderna e funzionale in modo tale che ogni richiesta di assistenza sia assicurata dal personale necessario per quel tipo di intervento, recuperando così medici e infermieri da destinare ai Pronto Soccorso dei Presidi ospedalieri dove ora per una prestazione bisogna aspettare anche 8 ore”. “Purtroppo – ricorda  Febbo – partiamo da un deficit fortemente negativo a fine 2018, di ben 33 milioni di euro, e una mobilità passiva di 87 milioni di euro, entrambi frutto di un piano strategico scritto della precedente direzione generale e dall’ex assessore Paolucci che, guarda caso, era stato approvato con il silenzio assenso dei due sindaci, di Vasto e Lanciano, che oggi votano contro questo piano che invece punta al risanamento e al miglioramento dell’assistenza. La valutazione negativa dei due sindaci è indice di uno strumentale atteggiamento politico, di  becera resistenza al cambiamento che invece è necessario e non rinviabile al fine di alzare il livello delle prestazioni all’interno della Asl Lanciano-Vasto – Chieti attraverso la reingegnerizazzione dei processi e l’utilizzo di moderne tecnologie. La strategia innestata con il piano – conclude Febbo - è solo la prima fase di un processo molto più ampio che il Governo regionale sta portando avanti in un difficile confronto con il Tavolo di Monitoraggio e soprattutto in considerazione della macelleria sociale avuta in eredità dal Governo D'Alfonso Paolucci e Compagni ”.

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia